Hilde Lysiak ha 12 anni e fa la reporter da 3

Reading Time: 4 minutes A 9 anni Hilde Lysiak ha fondato l’Orange Street News, unico giornale a coprire la cronaca locale di Selinsgrove, Pennsylvania. Oggi ne ha 12 ed la giornalista più giovane del mondo.

Ho scoperto Hilde Lysiak per caso, un giorno che scrollavo l’homepage del Washington Post. Mi è caduto l’occhio sulla barra laterale e ho letto: “In Arizona un poliziotto minaccia di arrestare una giornalista di 12 anni”. Ho cliccato sulla notizia e sono entrata nel magico mondo di Hilde Lysiak e dell’Orange Street News.

Hilde Lysiak è una reporter americana. Nata a Brooklyn nel 2006, è cresciuta con la famiglia a Selinsgrove, una cittadina di 5 mila abitanti in Pennsylvania, dove ha fondato l’Orange Street News, l’unico giornale a coprire le notizie locali. L’Orange Street News ha un sito, un canale youtube, una pagina facebook e viene consegnato ogni mese a casa degli abbonati.

Omicidio sulla nona strada

Sulle orme del padre, giornalista del New York Daily News, Hilde Lysiak comincia la sua carriera di reporter a otto anni, seguendo piccole notizie come la nascita della sorellina Juliet (“noioso”) ed episodi di vandalismo nel quartiere. Poi, nell’aprile 2016, quando Hilde ha nove anni, l’occasione che tutti i reporter aspettano: un donna viene uccisa a Selinsgrove. Hilde è la prima ad arrivare sul luogo del delitto. Racconta di aver ricevuto la soffiata da una fonte molto affidabile e di essere corsa sul luogo con la sua bicicletta per intervistare il vicinato. Il giorno stesso pubblica Exclusive: Murder on Ninth Street il primo pezzo sul caso, che anticipa di diverse ore il resto della stampa locale. Lo scoop scatena l’indignazione di alcuni che criticano severamente Hilde per essersi spinta troppo oltre: “Forse sei troppo giovane per capire la differenza tra decenza/rispetto e sensazionalismo” oppure “Sono disgustato dal fatto che questa tenera piccola ragazza pensi di essere una vera giornalista” e infine “Le bambine di nove anni dovrebbero giocare con le bambole, non provare a fare le reporter”.

Con l’aiuto di Isabel, sua sorella maggiore, Hilde Lysiak risponde alle critiche in un video, Responds to critics, che pubblica il giorno stesso: “so che questo mette alcuni di voi a disagio e che alcuni pensano che dovrei solo sedermi e stare tranquilla perché ho nove anni, ma se volete che smetta di coprire le notizie allora spegnete i vostri computer e fate qualcosa voi per queste notizie. Questo è abbastanza “tenero” per voi? Sono Hilde Lysiak, grazie per aver guardato. Izzy spegni, ho finito.”

Droga a scuola

Ma se chiedete a lei (come ha fatto Bright Lite Magazine), il lavoro a cui Hilde Lysiak è più affezionata non è l’omicidio sulla Nona Strada. Quello in fondo è stato facile. No, la sua inchiesta preferita è stata quella sulle droghe alla Salinsgrove High School. Parlando con gli studenti ha scoperto che tra i banchi di scuola non girava solo erba, ma anche metanfetamine e droghe più pesanti, come xanax, vicodin, ma anche cocaina ed eroina, con almeno sei casi di overdose a scuola. In questo caso il suo lavoro, dice, ha davvero fatto la differenza. Dopo la sua inchiesta infatti, il sovrintendente capo della polizia ha mandato una lettera ai genitori degli studenti, chiedendo la pubblica collaborazione per fronteggiare la crescente emergenza. Hilde è contenta del lavoro che ha fatto anche se avrebbe potuto fare di più seguendo una pista di spaccio di cocaina fuori città. Purtroppo i suoi genitori glielo hanno proibito.

Una giornalista scomoda

Hilde è stata ripresa dalla stampa nazionale di recente per aver filmato Marshal Patterson, un poliziotto di Patagonia, Arizona, mentre minacciava di arrestarla per avergli disobbedito. Nonostante le intimidazioni del poliziotto, Hilde ha ripreso la conversazione col cellulare e l’ha postata sul suo giornale. Il primo emendamento infatti, dice Hilde, dà ai cittadini americani il diritto di filmare un pubblico ufficiale mentre sta pubblicamente svolgendo il suo lavoro. Hilde scrive anche che prima di andarsene, l’agente Marshall le ha detto: non sei un’adulta quindi non comportarti come tale.

Hilde Lysiak ha le idee molto chiare sulla sua professione, più di molti suoi colleghi adulti: non esprime le proprie opinioni politiche perché non pensa sia il lavoro di un giornalista, non rilascia spesso interviste perché ciò che ha da dire lo dice attraverso i fatti che racconta nelle sue storie e pensa che il giornalismo debba essere un servizio per tutti i cittadini. Ha deciso di pubblicare su internet tutte le notizie dell’Orange Street News in modo che anche chi non ha i soldi per abbonarsi possa comunque leggerle. A chi le chiede come fare una donazione all’Orange Street News risponde che negli ultimi 5 anni ha guadagnato solo grazie al suo lavoro (con gli abbonamenti) e che ci sono moltissime cause che avrebbero più bisogno di lei di una donazione.

Youthism

Un giorno Hilde entra in un negozio di antiquariato per comprare un regalo a sua sorella. La proprietaria le chiede se è accompagnata da un genitore e quando Hilde risponde di no le chiede di uscire. Non riesce a rispondere sul momento, ma rimane molto ferita. Hilde gira da sola da quando ha sette anni perché ha due sorelle minori e i suoi genitori sono troppo impegnati con loro per portarla in giro. Mi sono sentita umiliata, scrive. Perché dobbiamo discriminare un gruppo di persone per la loro età? Hilde chiama questo fenomeno discriminatorio youthism, che in italiano potrebbe suonare come giovanismo. Nel suo articolo invita tutti i bambini della sua età a boicottare i negozi che non permettono l’ingresso ai minori non accompagnati. Lei, per esempio, è uscita ed è andata in un altro negozio dove ha comprato una borsetta e un cd delle Spice Girls spendendo 20 dollari (“denaro guadagnato con il suo duro lavoro”).

Piccola star

Oltre a portare avanti il suo lavoro di reporter locale, Hilde Lysiak ha pubblicato Hilde cracks the case, una serie di libri per ragazzi. E proprio in questi mesi sono in corso le riprese di una serie prodotta da Apple, Magic Hour, che racconterà la sua storia.

A 12 anni, Hilde Lysiak è il più giovane membro della Society of Professional Journal, la più antica organizzazione di giornalisti negli Stati Uniti.

Seguite il lavoro di Hilde su www.orangestreetnews.com!

Related Post